Paralimpiadi Sochi – E’ il giorno dei giovani in casa azzurra

Questo post è stato letto 1600 volte

Sguardi tutti puntati sullo sci alpino in casa azzurra, con quattro atleti in pista: il migliore degli azzurri è Marco Zanotti, che chiude al ventottesimo posto. Due posizioni più in basso Andrea Valenti. Fuori per inforcata Lantschner nella prima manche e Ugo Bregant nella seconda, scelgono di non partire Lanthaler e Orsini

Ci sono tutti gli atleti della categoria standing dello sci alpino in gara nello slalom maschile che si disputa oggi sulle piste del Rosa Kuthor: nessuna velleità di medaglia o di ottimi piazzamenti per i componenti della squadra azzurra che arrivano ai cancelletti di partenza. Al termine della gara, il migliore degli azzurri è Marco Zanotti, che chiude al ventottesimo posto, con Andrea Valenti trentesimo. L’oro è andato al russo Bugaev, seguito dal connazionale Alyabyev; bronzo al francese Gauthier-Manuel.
Al termine della prima manche l’italiano in posizione migliore era Ugo Bregant, che aveva chiuso ventisettesimo, meglio di Zanotti trentaduesimo e di Valenti trentottesimo. Bregant conduce una buona seconda manche, ma al momento del muro finale non riesce a controllare lo sci e esce di pista. La stessa sorta, durante la prima prova, era toccata anche a Hansjoerg Lantschner, uscito dopo qualche secondo di gara. Avevano scelto invece di non partire e di rinunciare alla gara Christian Lanthaler e Nicolò Orsini.
Soddisfatto, ho tenuto troppo nella parte alta dove la neve era migliore di quella che mi aspettavo”, aveva detto Ugo Bregant al termine della prima prova. “Ottime condizioni, sono io che ho tirato il freno e ho fatto anche alcuni errori: c’era molta emozione”, dice Marco Zanotti al suo esordio paralimpico. “Mi sono risparmiato un po’, ma è stata una bella gara”, dice Andrea Valenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *